Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

socrateDa tempo in Occidente la politica pare avere rinunciato al confronto sui principi che sono a fondamento della vita comune. Eppure i grandi cambiamenti in corso, e gli stessi pericoli che ci minacciano, richiedono che si torni a farlo. Non si può solo navigare a vista: bisogna che si sappia dove siamo e dove andiamo. E anche il pluralismo culturale non vuol dire che ciascuno sia un mondo a sé. Occorre ripensare ciò che unisce, e che va universalmente riconosciuto.

 

Questo è l’intento che ha ispirato a Torino un convegno insolito, tanto più in un contesto di dialogo interreligioso.

Per quanto quest’ultimo da tempo occupi la scena, pare essere sfuggito qualcosa di essenziale: cioè le sue vaste implicazioni politiche. Una reticenza non casuale ha impedito di osservarle: tale è il timore che suscitano i fenomeni in cui religione e politica si intrecciano. Si vedano gli attuali fondamentalismi, si veda in genere un’idea della religione, anche artificiosamente coltivata, come mezzo di controllo sociale.

Eppure è un dato difficilmente confutabile che nella società globalizzata, tanto più dopo la crisi delle ideologie laiche, le religioni siano tornate a essere veicolo di identità sociale. Esigenze non solo strettamente spirituali, ma di riscatto, di riconoscimento o in genere di fondamento della comunità, nelle religioni trovano espressione. Anche perché le religioni sono fenomeni complessi: non solo forme di rapporto col trascendente, ma anche assetti di vita sociale.

Quel che in tutto ciò inquieta non è altro che un pericolo insito in ogni cosa: il pervertimento degli scopi, cioè in fondo il male. Ma è quel che d’altra parte inquieta nella politica: non il potere in sé, ma il suo abuso, la sua distorsione a scopi impropri.

Chi sostiene che bisognerebbe abolire le religioni, non sa quel che dice. Come anche chi si accanisce a denigrare la politica, come se davvero si potesse farne a meno.

 

Tanto vale allora affrontare il nodo, e non rimuoverlo.

C’è una cattiva politica, che da principi apparentemente buoni ricava conseguenze disumane, opprimendo i popoli sotto gioghi gravosi.

C’è una politica non meno cattiva, che abolendo i principi – e abdicando quindi a se stessa – lascia i popoli in preda a forze anonime, come la tecnica e i mercati.

C’è, o deve esserci, una politica buona. Cioè una politica che si assume il dovere come principio, e che del popolo si prende cura. Una politica compassionevole. Una politica di dovere e di compassione.

 

 

Copyright © 2010-2018 Associazione Culturale Interdependence, Via Vittorio Emanuele, 13 - 10074 Lanzo Torinese (TO).