011.19234193 Redazione 

Hanukkah

In concomitanza col periodo del Natale cristiano, ma con diverso significato, è la festa ebraica di Hanukkah. Vi si ricorda la riconsacrazione del Tempio dopo che, sotto la dominazione della monarchia ellenistica di Siria, vi era stato celebrato il culto di divinità estranee. La sua rappresentazione simbolica è la riaccensione delle luci sul candelabro a sette bracci. E poi c’è il banchetto, segno della festa.
Non si può entrare nel senso intimo di quel che una tradizione celebra se non appartenendovi,  condividendo tutto ciò che le dà vita. Si può però sostare in prossimità, con rispetto e amorevole attenzione. Pensando in questo caso che la luce che rischiara le tenebre è uno dei simboli più profondi della vita spirituale. Che bisogna difenderla, quella luce, anche a costo di combattere. E che la vita spirituale è, sotto un certo aspetto, lotta. Ma anche gioia.

Stampa