Giorni che valgono anni

Veniamo da città vuote e silenziose, dal timore, dall’attesa, dall’invisibile presenza che incombe…

Giorni che valgono anni. Senza guardare indietro e neppure avanti. In quella presenza. Finendo per amarla, come da sempre attesa.

Perché è nel confronto con la morte che la vita si rivela. E così i legami umani, e il cielo e il sole e l’aria che si respira. Bisognerà non scordare tutto questo, quando sarà trascorso.

Stampa